ID CARD

Nome: Aelin Cognome: Tasartir
Età: 32 anni Razza: Mezzelfo
Peso: 45 kg Altezza: 168 cm
Capelli: Neri Occhi: Azzurri
Allineamento: Neutrale Puro Sesso: Femminile
Divinità: Nessuna Tipo di Gdr: By Chat
Nome Gdr: Regno di Klotien Genere Gdr: Fantasy Classico
Gilda: Maghi del VesproCarica Gilda: Supremo dei Maghi del Vespro
Mestiere: Carica Mestiere:
Clan: Carica Clan:
Party:


Descrizione Fisica

~ Carnagione: Diafana
La pelle è molto chiara, in netto contrasto con i lunghi capelli neri, che come piume di corvo accarezzano le sue gote. Gl'occhi invece brillano della stessa luce degli zaffiri. Chiari, screziati di blu, dal profilo arcuato ed allungato, trasmettono la fermezza del suo animo e la sua autorità, ma anche l'incredibile passione che riesce a mettere in ogni cosa che fa. Le labbra sono arcuate sempre in un misterioso sorriso. Il corpo è esile e dall'apparenza fragile. Le curve delineano le sue forme, ma anche qui non è la più prorompente delle donne. Piccola com'è non è troppo formosa, ma mantiene l'equità in ogni suo punto.

~Abiti: Solita indossare un lungo mantello grigio sopra i propri abiti. Raramente indossa vesti diverse dalla tunica da Supremo, visto che ancor più rari sono stati i suoi viaggi al di fuori dell'Impero. Veste sempre con la lunga tunica cremisi, stretta intorno al busto da una fascia della medesima stoffa ma di colore più scuro, finemente decorata con ricami dorati. All'altezza del cuore brilla un pentacolo, anch'esso ricamato in oro.

Descrizione Psicologica

Ciò che più la caratterizza è il carattere.

E' una donna forte, che difficilmente si lascia abbattere alla prima difficoltà che incontra. E' terribilmente testarda e difficilmente la si convincerà a fare diversamente da come ha deciso. Schietta, senza peli sulla lingua, sarcastica, austera, alle volte suona anche un pò antipatica per via del suo carattere rigoroso e severo. Ma chi la conosce bene sa che ciò è dato solo per via della carica che ricopre. Non è saccente nè si sente superiore agl'altri, è umile e nei confronti delle persone a lei care è apprensiva e premurosa. Ha un animo gentile e dolce, spesso nascosto dietro quella maschera di durezza e freddezza.
E' nostalgica e malinconica ed ama la solitudine.

Segni Particolari

~Un fior di loto tatuato sulla pallida pelle della schiena, poco più giù della nuca.

~ Parla prevalentemente la lingua comune, sebbene ogni tanto qualche espressione nella lingua degl'elfi le sfugge, una delle poche eredità della madre.

Altro

Oggetti Posseduti

~ Il bastone da Maga, donatole da Spike alla fine del suo apprendistato. Un ricordo anch'esso, impugnato nuovamente per servire l'Equilibrio e guidare i Rossi.
Legno: Ebano
Gemma: Sugilite

~ Un anello catalizzatore d'oro bianco con il simbolo del pentacolo con su una pietra di sugilite al centro

~ Solitario d'oro bianco regalatole da Lothorien

~ Un ciondolo a forma d'unicorno regalatole da Diya

~ Un Betta Splendens (pesce combattente) rosso

~ Una civetta bianca di nome Foen

Affetti

~Spike ~
"Maestro.. Le nostre strade si rincontreanno un giorno?"

~ Lothorien ~
"Heruamin.. Rimanetemi vicino fin quando non giungerà la Fine del mondo.. Ed anche allora.. Non lasciate la mia mano"

~Toushirou ~
"Quante preoccupazioni mi date al giorno?"

~ Abram ~
"Voi.. Mi confondete.."

~ Diya ~
"Spero che le tenebre non vi abbiano preso per sempre"

~ Rashaks ~
"Vi è rispetto fra noi"



Amicizie

~ Alborn ~
"Echi mi sussurrano che avete abbandonato le bianche vesti. Che fine avete fatto?"

~Neiltolk ~
"Caro amico, Liete sono le conversazioni insieme a Voi"

~ Learco ~
"I Nostri sentieri per poco si sono incrociati."

~ Gwenifel ~
"Siete cresciuta e sono orgogliosa di come lo avete fatto."

~ Alinys ~
"Irrispettosa e turbolenta.. Spero almeno di riuscire ad insegnarvi il Rispetto"

~ Takumi ~
"Spero che qualcuno riesca a far qualcosa per Voi.."

~ Gilgalad ~
"Non tutti comprendono la Vostra natura.. Da ciò state in guardia"

~ Katherine ~
"Giovane desiderosa di imparare.."

~ Dubhe ~
"Sempre lieta di vedervi... Spero di farlo anche in giorni meno turbolenti"

~ Hikaru ~
"Eravate fra i miei allievi più promettenti.. Un vero peccato"

~ Ryukotusei ~
"Giovane.. Troppo Giovane.. "

~ Balac ~
"Ha vinto infine la Notte"

~ Azarus ~
"Heru en amin, Aa' menealle nauva calen ar' malta"

~ Hevya ~
"Fratello mio.."

~Kayden~
"Proveremo a seguirvi lungo questa via."

~Ryen~
"L'amore per la conoscenza, il desiderio d'imparare.. Chissà che strada vi si parerà d'innanzi"

~Vanesh~
"Siete irruento ed ansioso, mio caro Elfo. Sarò Vostra Maestra lungo questa via"

~ Padre e Madre, lontani ormai da questo mondo



Storia

* L’INIZIO *

Non avere nulla... Per questa espressione. Non avere legami, non essere schiavo di nessuno. Vivi semplicemente per te stesso. Sono giunta fin qui, rispettando e seguendo questo mio modo personale di vivere. Ciò che fui, è racchiuso nel piccolo baule di pensieri che mi trascino dietro. Un'impura, nata dall'unione di due razze differenti. Nacqui una notte di Luna nuova, il cielo nero punteggiato di stelle brillanti. Almeno, così mi è stato narrato. Mia madre era un'elfa, mio padre un umano. Per quanto molti mezzelfi abbiano avuto vita difficile, la mia è stata relativamente tranquilla. Crebbi amata da entrambi i miei genitori, in una piccola casetta in un bosco ormai perduto nel tempo. Un'altra persona di tanto in tanto s'affacciava nei miei primi anni di vita. Ricordo il grigio dei suoi occhi, che ogni volta mi guardavano con dolcezza e amore. Un fratello maggiore, in quella che era la perfezione della mia vita. Con mio padre, imparai che gl'esseri umani avevano una vita breve.. Quando ne compii trenta, lui tornò al cielo, lasciando me e mia madre sole. Lei mi insegnò ciò che sapeva, dalla lingua al vivere nella foresta. Mi insegnò a leggere e a scrivere, ad amare l'arte. Sapevo che tutto quello sarebbe stata la sua eredità, ciò che mi avrebbe lasciato, una volta seguita anch'ella mio padre. Ed accadde, dopo circa dieci anni. Per gli elfi passano veloci, gli anni. La ricordo ancora bella, giovane.. Scomparve durante una notte, non riuscendo più forse a rimanere nella dimora che aveva diviso insieme all'amato marito e me.

* IL VIAGGIO *

Non c'era più posto per me, in quella casa vuota. Nessuno da salutare quando varcavo la soglia.. Nessuno da abbracciare. Nessuno a cui sorridere. Non ci misi molto a raccogliere le mie cose e ad andarmene da quella casa. Partii alla volta del mondo, armata delle mie conoscenze e del mio desiderio di vedere ciò che veniva narrato nei libri. Di terre ne vidi, senza mai soffermarmi troppo a conoscere le persone. Non volevo alcun legame. Non più di un "Buon giorno" o "Buona Sera" ricevevano da me e nessuno m'avvicina più di qualche metro. Non so dire bene per qual motivo, ma certe volte sembrava che mettessi in soggezione le persone. Viaggiavo in piena tranquillità.. Nella mia mente vagavo nel ricordo dei miei genitori. Tutto procedeva per il meglio, se così si può dire. Un'anima libera, senza casa.. Una strada senza fine da percorrere fino al primo bivio.

* UN CASO *

Un bivio che mi portò alle porte della città di Kastalia. Mi tenevo alla larga dalle case, come sempre evitavo le persone. Ora non ricordo dove fu, ma conobbi una strana persona. Ricordo che aveva tanti ruoli da adempire.. E la cosa mi fece non poco ridere. "Il Mago Contadino" Messer Spike, colui che guidava i Maghi del Vespro. Una mente brillante come poche, e non poche volte ci siamo messi in confronto. "Ser Contadino" lo chiamavo all'inizio. Un po’ per canzonarlo ed un po’ per scherzare. Era gentile nei miei confronti e non poche volte si rivelò quasi premuroso, apprensivo. Ma forse era solo il suo modo di porsi alle persone. Fu con l'arrivo di un ragazzino che decisi di intraprendere uno di quei tanti bivi. Il piccolo Toushirou, un ragazzino dai candidi capelli. Petulante, chiacchierone, curioso e fin troppo altezzoso. Si vedeva da leghe che non veniva da una casata qualsiasi.. Ma ho sempre fatto finta di nulla. Lo portai con me, sotto invito di Spike, alla Torre Rossa. E li siamo rimasti. Apprendisti, Maghi.. Rimasi a studiare ciò che dai libri di mia madre non riuscii ad apprendere. L'Ars Arcana, la magia che fluisce in qualsiasi cosa. Quella tela che rappresenta il mondo ed i fili che costituiscono ogni millimetro.

* IL SILENZIO *

La vita sembrava procedere per il meglio su quella nuova strada. Gli impegni si accumulavano ed anche le persone che giravano intorno a me aumentavano sempre più. Crescevo come Maga ed imparavo a mantenere l’Equilibrio del mondo stesso. Un’impresa non da poco, con tutto quello che stava accadendo. Una persona poi ha iniziato ad insinuarsi nei miei pensieri. Ed il desiderio di proteggerlo cresceva sempre più nella mia mente. Un nome tatuato sul mio cuore, che sempre porterò con me. Un nome ormai perduto nell’oblio. I primi indizi di uno sgretolamento furono le tensioni che stavano nascendo all’interno della Torre Rossa. Vedevo poco Spike, quel tanto che bastava per impartirmi le lezioni di Magia. Il silenzio poi iniziò ad aleggiare all’interno della Torre. Una lettera e tutto sembrò collassare. Spike non aveva fatto altro che istruirmi per lasciarmi il suo posto. Non mi diede il tempo di ribattere questa sua decisione, non ero pronta, non ero saggia abbastanza per prendere quel fardello così pesante. E di fatti, l’Ordine venne preso in mano da qualcun altro, un elfo dalle ignote origini. Mi fece comprendere quale fosse effettivamente il ruolo di un Mago del Vespro. Ma i miei pensieri vagavano sempre altrove. Non desideravo quell’uomo al comando di noi Maghi. Per un breve istante desiderai di tornare indietro ed accettare il ruolo di Supremo.. Oppure, più indietro e fermare Spike, farlo tornare indietro, fargli rimangiare quell’idea… O forse ancora più indietro, quando quel giorno mi accompagnò alla Torre per la prima volta. Non so dire quale fu il giorno della mia dipartita. Lasciai il bastone e le vesti nella mia camera, indossai i miei vecchi abiti e partii anche io, alla ricerca di quel Mago Contadino che tanto avevo ammirato.

* DI RITORNO *

Vane sono state le mie ricerche. E di quelle persone che conoscevo temo che non ne rincontrerò nemmeno una. Da qualche giorno sono tornata fra le mura di Kastalia, una vana speranza di ritrovare almeno il segno del passaggio del Supremo. Quel ragazzino, Toushirou.. Chissà se anche lui è qui da qualche parte. Ritornerò al Lago di tanto in tanto e cercherò quel sentiero che dolce portava all’ingresso della Torre de Maghi del Vespro.

* RINASCITA *

Quel sentiero non è stato cancellato. Dolce la Collina d Gea mi ha riportato su quel sentiero, verso le porte della Torre Rossa. Silenzio e desolazione ho trovato. Alcuna traccia di quello che era il suo antico splendore. Somma tristezza nel vedere i Giardini in quello stato. Ma per un verso mi sono sentita sollevata. Nessuno, fino a quel momento, sembrava essersi accorto del fatto che i Maghi Rossi non abitavano più li. Forse merito delle storielle che Spike raccontava in giro per non fare avvicinare gli sconosciuti. Sono riuscita a contattare almeno Toushirou.. E' cresciuto di qualche centimetro, ma non sembra essere minimamente cambiato. Riporteremo splendore a questa gilda, ed io li guiderò. Spero solo d'esserne all'altezza.

*FOLLIA*

Di persone in questo mondo ne esistono tante. Tutte sono differenti le una della altre, con idee e convinzioni ancora più differenti. Dal canto mio, ho sempre cercato d'essere comprensiva quando qualcuno veniva a dirmi che credeva in una qualche divinità in particolare. Non smetterò mai di ribadire che per me gli dei sono tutti uguali e che oltre a crear scompiglio non hanno mai fatto nulla per questo mondo. Non credo che nemmeno gli interessi particolarmente quante persone prodighino il loro credo o come questa fede venga vista. Di fatti, mi trovavo sulle rive del Lago della Fenice in un tranquillo pomeriggio, quando vidi una persona allenarsi con una spada. Mi avvicinai, mantenendomi cauta e non volendolo fare spaventare. Incredibile come questi mi abbia dato a parlare e come questi se la sia pensata, decidendo della mia stessa vita. Con la punta della spada rivolta verso di me e con una voce piuttosto autoritaria, mi costrinse ad andare da lui. Inutile dire come furono buii quei giorni. Venni rinchiusa in una cella buia, sporca ed umida, legata per la caviglia destra. Non avevo idea di chi fossero e persone che mi avevano portato li. Tre diverse persone si alternavano nella mia cella, due uomini ed una donna. Continuavano con quelle loro ideologie folli a volermi fare crollare. "Il Caos" Non comprendo ancora cosa ci avrebbero guadagnato. Alla fine penso che si siano stancati. Gl'ultimi giorni sono un pò annebbiati, avendo perso parte della mia lucidità. Ricordo solo un dolore indescrivibile e poi.. Il buio.

*NUOVAMENTE*

Una luce si fece avanti, rischiarava il mio corpo e dolcemente mi cullava, distante dal dolore. Una luce che improvvisamente mi abbagliò, destandomi improvvisamente da un sogno. Un letto candido, tende bianche e una luce che entrava dalla finestra. Sentivo parlare, ma non distinguevo le persone. Le ferite mi erano dolorose e non capivo come, non riuscivo a muovermi come desideravo. La luce era troppo intensa e non riuscivo ad aprire bene gl'occhi per poter vedere dove mi trovassi. "Siete al sicuro" Una voce conosciuta che mi fece star più tranquilla. Sentivo in lui l'apprensione. Era Toushirou, al mio fianco, che tentava di discutere con quell'elfo che incontrai, tempo addietro. Saga. Di una cosa ero certa: ero salva. Nel frattempo, da poco ripresami dalla convalescenza, reincontro colui che in passato era una delle persone più care che possedevo. Ero piccola e molto ho faticato per ricordarmi di lui.. Hevya.. Il mio fratellastro.. Di sangue elfico..

Incantesimi



Talenti



Abilità



OFF GAME

Personaggio che nasce un pò a caso nel settembre del 2008, giorno in cui trovai nell'elenco di gdr-online la scheda di Klotien. Sin da subito trovai un ambiente relativamente tranquillo e molte persone con cui giocare. Come sin da subito questo personaggio si legò in modo inscindibile ad una gilda: I Maghi del Vespro. Da semplice apprendista sotto le direttive del master Spike, passa al comando della stessa gilda per rimanerci fino alla chiusura del gdr. Un carattere forte, deciso, ogni tanto un pò odioso poichè ligia alle regole e fin troppo spesso seria. Ma allo stesso tempo, aveva un gran cuore, teneva molto ai suoi amici e ai suoi allievi. Un bel personaggio, che trascinai anche a Kastalia, quando la land cambiò gestione.

Avatar


Elements

Text

This is bold and this is strong. This is italic and this is emphasized. This is superscript text and this is subscript text. This is underlined and this is code: for (;;) { ... }. Finally, this is a link.


Heading Level 2

Heading Level 3

Heading Level 4

Heading Level 5
Heading Level 6

Blockquote

Fringilla nisl. Donec accumsan interdum nisi, quis tincidunt felis sagittis eget tempus euismod. Vestibulum ante ipsum primis in faucibus vestibulum. Blandit adipiscing eu felis iaculis volutpat ac adipiscing accumsan faucibus. Vestibulum ante ipsum primis in faucibus lorem ipsum dolor sit amet nullam adipiscing eu felis.

Preformatted

i = 0;

while (!deck.isInOrder()) {
    print 'Iteration ' + i;
    deck.shuffle();
    i++;
}

print 'It took ' + i + ' iterations to sort the deck.';

Lists

Unordered

  • Dolor pulvinar etiam.
  • Sagittis adipiscing.
  • Felis enim feugiat.

Alternate

  • Dolor pulvinar etiam.
  • Sagittis adipiscing.
  • Felis enim feugiat.

Ordered

  1. Dolor pulvinar etiam.
  2. Etiam vel felis viverra.
  3. Felis enim feugiat.
  4. Dolor pulvinar etiam.
  5. Etiam vel felis lorem.
  6. Felis enim et feugiat.

Icons

Actions

Table

Default

Name Description Price
Item One Ante turpis integer aliquet porttitor. 29.99
Item Two Vis ac commodo adipiscing arcu aliquet. 19.99
Item Three Morbi faucibus arcu accumsan lorem. 29.99
Item Four Vitae integer tempus condimentum. 19.99
Item Five Ante turpis integer aliquet porttitor. 29.99
100.00

Alternate

Name Description Price
Item One Ante turpis integer aliquet porttitor. 29.99
Item Two Vis ac commodo adipiscing arcu aliquet. 19.99
Item Three Morbi faucibus arcu accumsan lorem. 29.99
Item Four Vitae integer tempus condimentum. 19.99
Item Five Ante turpis integer aliquet porttitor. 29.99
100.00

Buttons

  • Disabled
  • Disabled

Form